L’orto incolto è Paesaggio, Agricoltura, Comunità insieme.
L’ambiente naturale de “L’orto incolto” vuole creare occasioni di espressione di cura urbana, al contempo innovativa e genuina, per simboleggiare un riavvicinamento/fusione tra uomo e natura dalla quale ne deriva un aiuto reciproco. Nell’ultimo secolo l’uomo ha perso il contatto con l’ambiente: non è più in grado di capirne i segnali, di seguirne i ritmi fondamentali che per millenni lo hanno guidato. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: l’uomo si è disumanizzato, snaturalizzato, tant’è che la sua esistenza viene ormai recepita al di fuori delle fasi naturali, viene visto come un agente esterno, un virus, un fatto artificiale. La proposta de “L’orto incolto” si inserisce in questo quadro fosco per tentare di scardinarlo, certi che dallo studio del territorio, dalla comprensione dei suoi limiti, dalla nascita di una nuova empatia è possibile riconvertire gli insediamenti umani in luoghi dell’abitare sostenibile, secondo logiche di antropizzazione armonica. In questo senso possiamo anche ridefinire il termine di Arte Ambientale, non solo per descrivere genericamente il processo artistico in una relazione attiva con la dimensione ecologica e naturale, ma soprattutto per intendere una condizione politico-sociale su cui fondare una nuova alleanza tra uomo e ambiente.

L’Ortoincolto è un progetto di promozione di agricivismo attivato attraverso la formazione, il progetto e la realizzazione di ortiurbani

Il progetto in un tweet

Reggio CalabriaCittà
RCProvincia
CalabriaRegione
Social accounts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi