MET. Meticceria Extrartistica Trasversale

In uno spazio nato come parte integrante di un supermercato, prende vita MET – Meticceria Extrartistica Trasversale: un luogo in cui sperimentare nuove pratiche di incontro e socialità tra cittadini, migranti e mondi dell’arte, nel cuore del quartiere Navile di Bologna. La cifra distintiva di MET è la mescolanza delle arti e delle persone per sviluppare nuove progettualità culturali ibride.
Attorno al salone centrale ruotano atelier di teatro, danza, musica, videoarte, cucina, sartoria e falegnameria, saperi artistici che Cantieri Meticci ha riscontrato in molti migranti; saperi che molti italiani conoscono e amano, ma che spesso non sanno dove coltivare; saperi che possono generare quella “comunità trasversale di pratica” di cui parla Wenger: un luogo in cui, a partire da passioni comuni, sviluppare apprendimento, scambiare storie e competenze, far crescere un nuovo senso di appartenenza, un “noi” di chi collabora per realizzare un obiettivo comune. Gli strumenti principali per costruire tale comunità di pratica sono i laboratori.
MET sarà quindi sede di diversi laboratori artistici, delle vere e proprie palestre per generare meticciato sociale e luoghi privilegiati in grado di accendere una prima scintilla di passione per la cultura in categorie spesso escluse dalla fruizione culturale, quali ad esempio adolescenti, anziani, donne, migranti e rifugiati. A partire da temi sentiti come importanti, l’equipe multietnica di Cantieri Meticci coinvolgerà le persone in processi di creazione artistica partecipata che si concluderanno in un festival diffuso nelle vie del quartiere.
Oltre a questo, MET sarà:
# Luogo di creazione e ospitalità: un coworking artistico aperto alla coprogettazione tra giovani artisti di diverse discipline e culture, in dialogo con artisti di tutto il mondo attraverso residenze e coproduzioni, per rendere MET un luogo d’eccellenza culturale
# Luogo di formazione professionale: l’Accademia di Arti & Mestieri promuoverà corsi nei settori culturali (scenografia, teatro sociale, sartoria, gastronomia artistica, light e sound design, videomaking) per valorizzare e trasformare in occupazione le competenze di richiedenti asilo e rifugiati
# Luogo di esposizione: un caleidoscopio sul mondo con attenzione ad artisti internazionali e all’ibridazione tra arti
# Luogo di elaborazione teorica: grazie alla collaborazione con UNIBO, le pratiche artistiche e sociali divengono mappe concettuali, sistemi teorici e metodologie riproducibili

#culturability4 #METBO Meticciare i saperi per mescolare le persone in comunità di pratica e eventi culturali partecipati cantierimeticci.it

Il progetto in un tweet

BolognaCittà
BOProvincia
Social accounts